Anna, 58 anni, psicologa, è una sopravvissuta al Covid-19

Una sopravvissuta al coronavirus racconta: «Non è vero che si lascia morire la gente»

Anna ha 58 anni, vive a Bergamo e lavora ad Alzano Lombardo, in quell'angolo del Nord Italia dove il coronavirus sta scatenando il caos. Contagiata, Anna ha trascorso dieci giorni in ospedale. Ha raccontato quest'incubo alla nostra giornalista, Gea, 40 anni, anche lei ammalata di Covid-19

Anna è una sopravvissuta: ha visto l’inferno, ed è tornata indietro.

Ma l’inferno la tampina, giorno e notte.

Cet article est réservé aux abonnés.

S'abonner

Déjà abonné(e) ? Connectez-vous