Cinquanta giorni dopo, l'incubo continua

All'inizio dell'epidemia, un uomo avrebbe dovuto essere operato di urgenza. Non era possibile allora; dopo un mese di attesa, infine lo hanno ricoverato. L'intervento è andato bene, ma pochi giorni dopo essere tornato a casa, gli è venuta la febbre alta: in ospedale ha preso il Covid. Gea, la nostra corrispondente a Milano, gli ha parlato ieri.

Ma se è tutto chiuso e siamo tutti barricati in casa perché i contagi non scendono drasticamente e i morti sono ancora 600 al giorno?

È la domanda che ci facciamo ogni sera di fronte al bollettino dell’epidemia, che resta desolante nonostante la crisi qui sia iniziata molto prima che in altri Paesi.

Cet article est réservé aux abonnés.

Accédez à tous nos contenus, soutenez une rédaction indépendante.

S'abonner

Recevez chaque jour des actualités thématiques en vous inscrivant à nos newsletters gratuites.