Vi serve un'operazione urgente al cuore? Bisogna aspettare la fine dell'epidemia di Covid-19. E grazie per l'attesa

Nel momento in cui le misure di restrizione sono state estese a tutta la penisola, Gea, 40 anni, ancora in lotta contro il raffreddore, temperatura 36,7 e Gabriele, 42 anni, ancora senza sintomi influenzali, temperatura 36,6, raccontano la storia di un uomo che preferisce non essere identificato. Venerdì è stato ricoverato d'urgenza in ospedale per un problema cardiaco. Sabato è stato buttato giù dal letto per fare spazio ai pazienti affetti da coronavirus. Ora è in un altro ospedale e aspetta, senza sapere se potrà essere curato prima che sia troppo tardi. Nel frattempo, 97 persone sono morte in Italia, dove oggi sono 9.172 i casi confermati di coronavirus.

Vale di più la vita di una persona malata di coronavirus o quella di un cardiopatico? Chi ha più diritto a un posto letto in rianimazione? E chi lo stabilisce? Nella Milano al secondo giorno di quarantena totale, quando i morti per Coronavirus in Italia sono 463, tocca a una scala di priorità che piacerebbe ai combattenti di Sparta. Risponde a un criterio: dentro i contagiati Covid-19, fuori tutto quello che non è urgentissimo. Anche se un uomo di appena sessant’anni ha un’arteria, la aorta, che nel tratto addominale si è gonfiata fino a essere larga 7 centimetri, due volte e mezzo la dimensione normale, e le coronarie occluse fino al 70%, con il cuore sempre più affaticato.

Cet article est réservé aux abonnés.

Accédez à tous nos contenus, soutenez une rédaction indépendante.

S'abonner

Recevez chaque jour des actualités thématiques en vous inscrivant à nos newsletters gratuites.